Sia che si brucia legno in un caminetto, stufa o forno, la buona legna da ardere di qualità è la chiave della convenienza, efficienza e sicurezza.

La legna bagnata o pezzi che non sono di giusta dimensione o forma per la tua stufa a legna può essere frustrante, bruciare inefficientemente, può alimentare un incendio nella canna fumaria rovinandola od addirittura creare pericolo.

Una buona pianificazione, stagionatura e conservazione della legna da ardere è il sistema migliore per l’ efficienza energetica

Misurare la quantità di legna da ardere per confrontare i prezzi

 I vari formati a disposizione, le stagionature ed il taglio, a volte diventano ingannevoli per la difficolta di decidere dove sta la convenienza, infatti

la prima sfida per l’acquisto di legna da ardere è quello di misurare la quantità in modo da poter confrontare i prezzi.

La balla è l’unità di misura standard per la legna da ardere. La balla di legna ricavata da una rotoballa da cui ne deriva il nome utilizzata prettamente in Toscana, ha una misura standard eliminando i problemi di troppo peso se poco stagionata.

Alcune persone sostengono che il legno dovrebbe essere venduto solo in unità del genere. Ma questo diventa difficile in quanto non è comoda per il trasporto e lo stipamento.

Altro sistema è la legna in formato “primo taglio” dove viene fornita legna da 1 metro e non spaccata.

Questo tipo di formato sembrerebbe conveniente, infatti costa la metà del formato spaccato, ma in verità tra miscela per la motosega, spaccare i ciocchi etc comporta secondo me una rimissione.

 

Confrontare i prezzi di legna da ardere in ordine di volume: che legna da ardere acquistare?

Indipendentemente dalla lunghezza dei pezzi o dei termini utilizzati per descrivere le unità di legna da ardere bisogna convertire sempre una misura di volume in modo da poter confrontare con precisione i prezzi.

 

48821625_1

 

Tutte le opzioni vengono convertite in un prezzo al metro cubo senza curarsi della stagionatura e del formato per poi moltiplicare il risultato per il prezzo unitario. Nell’esempio espressa pezzi 30 cm di lunghezza calcolo è: 48 ÷ 12 = 4 x 65 = 260 Euro.

Si noti che, come in molti altri prodotti, il prezzo più basso non è necessariamente il miglior affare.

La legna da ardere perfetta per il vostro focolare è un insieme di fattori che vanno sia in lunghezza del pezzo, lo spessore e la stagionatura.

 

Consigli per l’acquisto di una buona legna da ardere

 Chiedete ad amici e vicini di casa che utilizzano legna per farsi consigliare su fornitori affidabili di zona.

  • Guardarsi intorno e selezionare il fornitore che sembra più affidabile e fornito con le migliori raccomandazioni.

  • Non ordinare il legno per telefono. Vai nella zona di stoccaggio per ispezionare il legno e prendere un metro per controllare la lunghezza e la dimensione.

  • Cercare il legno pulito. Sabbia e fango su legna lo rende meno affidabile.

  • Assicurarsi che i pezzi siano divisi spaccati bene per il vostro camino.

Se possibile, acquistate la legna a fine primavera in modo da poter controllare il processo di stagionatura.

 

Che qualità di albero fornisce la migliore qualità di legna da ardere?

 Tutto il legno è chimicamente simile, indipendentemente dalla specie.

È soprattutto la densità e contenuto di umidità che influenzano il comportamento al fuoco e il suo valore.

Legni duri densi come l’acero e la quercia hanno un maggiore contenuto energetico e quindi rilasciano più calore per ogni carico.

Producono anche brace di lunga durata che anch’ essa produce calorie. Legni morbidi come betulla, pino, abete rosso e pioppo sono meno densi, bruciano più velocemente e non producono un buon letto di brace di lunga durata.

Tradizionalmente, legni duri sono la legna preferita, soprattutto nell’Europa centrale e orientale del Nord America, ma i grandi appezzamenti di boschi di legna morbida lo rendono un ottimo combustibile dal grande uso.

Alcuni utilizzano per riscaldare nelle parti più fredde del Nord America solo conifere come abete rosso e pino e latifoglie leggeri come betulla e pioppo riuscendo a stare al caldo egregiamente, naturalmente le quantità aumentano.

Le più recenti stufe, camini e forni possono funzionare bene con una più ampia varietà di specie di legno gestendo meglio il controllo del processo di combustione a parità dei vecchi sistemi.

Ecco le tabelle di resa della legna da ardere:

 

18legn13

18legn12

 

La lunghezza migliore della legna da ardere

La lunghezza dei pezzi deve essere adatto per la stufa, forno o camino in nostro possesso.

Pezzi più piccoli sono più facili da gestire , i pezzi un po ‘troppo lunghi possono rendere il fuoco difficile o impossibile.

Per stufe e forni, i pezzi dovrebbero essere di almeno 3 centimetri più corti della dimensione della bocca del focolare. Anche se un focolare della stufa è abbastanza grande per prendere legna fino a 50 cm, pezzi piccoli sono generalmente più desiderabili per facilità di trattamento e maneggiabilità.

 

La buona qualità legna è intesa anche per una lunghezza coerente. Una lunghezza variabile più di 10 cm sono un segno di scarsa qualità e potrebbe causare problemi nel caricare l’apparecchio in nostro possesso.

Per la manipolazione e alimentazione nella maggior parte delle stufe a legna, il taglio migliore è una lunghezza di 30 a 40 cm.

Piccoli pezzi di legna da ardere sono spesso migliori di pezzi di grandi dimensioni per una comoda alimentazione.

 

Il diametro migliore

La maggior parte legna da ardere commerciale non è divisa abbastanza bene per una efficace resa del fuoco.

Grandi pezzi di legna da ardere tendono a bruciare più a lungo quando sono immessi nel fuoco, mentre i pezzi più piccoli si infiammano rapidamente.

I piccoli pezzi sono migliori per fochi di piccole dimensioni in un clima mite. Anche nella stagione fredda ogni carico deve essere composto da un paio di piccoli pezzi che accendere velocemente e alcuni pezzi più grandi che brucernno costantemente per diverse ore. Prativcamente il legno deve essere diviso per una varietà di formati che variano da 6 a 15 cm di misura di sezione. Aspettatevi di pagare di più per il legno che è diviso più piccolo e in una varietà di formati.

 

3146873444

 

 Suggerimenti per lo stoccaggio e la conservazione della legna da ardere

Non stagioneranno velocemente i ciocchi di legna che:

  • i pezzi sono troppo grandi e tutti uguali

  • sono collocati direttamente sul terreno

  • le righe sono troppo ravvicinate

  • le pile non sono coperte

Legni morbidi come il pino, abete rosso e pioppoche viene tagliato, scomposto e accatastato correttamente all’inizio della primavera sarà pronto per l’ uso in autunno. Estremamente legni duri come il rovere e acero, e grandi pezzi di legna da ardere, possono prendere almeno un anno intero per asciugare bene. L’ essiccazione può anche richiedere più tempo nei climi umidi marittimi.

 

Come controllare, se il legno è asciutto abbastanza

 con un po di pratica si può giudicare il contenuto di umidità di legna con una precisione sufficiente per dire verde o stagionato. Non avete davvero bisogno di comprare uno strumento di controllo umidità.

Ci sono alcuni modi per dire se il legno è asciutto abbastanza da bruciare in modo efficiente. Possiamo utilizzare molti indicatori visibili per valutare la secchezza della. Ecco cinque modi per giudicare l’ umidità della legna, presentati in ordine dal più al meno efficace.

 

humidcheckmini2

 

Dividere un pezzo di legno. Se la superficie esposta presenta umidità, il legno è troppo bagnato per bruciare.

  • In caso di dubbio, bruciare. Il legno secco infiamma e brucia facilmente; il legno bagnato è difficile da accendere e sibila nel fuoco.

  • Segni o crepe nel legno di testa può essere un’indicazione di secchezza, ma non può essere un indicatore affidabile. Alcuni legni bagnati si spaccano mentre a volte la legna secca non ha alcuno spacco.

  • Il legno tende a scurirsi dal colore bianco o crema al grigio o giallo appena si asciuga.

  • Due parti secche sbattute insieme suonano cavo; invece i pezzi bagnati suono solido.

Legno secco pesa molto meno del legno bagnato.

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

Perché non esiste un prezzo standard per legna da ardere?

Ecco alcuni dei fattori che possono influenzare il prezzo di legna da ardere:

  • Contenuto energetico: legni molto morbidi come pioppo e abete rosso hanno circa la metà del contenuto di energia di molto legni duri come rovere, leccio etc.

  • Sulla base di contenuto energetico, dovrebbero costare circa la metà rispetto all’ altro. Tuttavia, i costi di lavorazione, trasporto e stoccaggio sono gli stessi indipendentemente dalla specie, così, mentre il prezzo delle conifere può essere inferiore, si aspettano di pagare molto di più della metà del costo di legni duri.

  • Ubicazione: A causa delle spese di trasporto e le spese di deposito, la legna venduta nelle aree urbane può costare almeno il doppio del prezzo di acquisto delle aree rurali.

  • Secchezza: legna completamente stagionata di solito costa più di quella verde, il legno stagionato infatti oltre ad essere più leggero, ha stoccato di più.

  • Dimensioni: La legna trattata in lunghezze più corte e divisa in più piccoli pezzi del solito costa di più a causa del trattamento e del lavoro supplementare eseguito.

 

Per tutti questi motivi, la legna può variare nel prezzo da meno di 8 Euro al quintale per l’equivalente di un carico completo fino alle 14 euro al quintale.

 

Cercare legna prodotta con metodi di raccolta sostenibili

Prova a comprare la tua legna da qualcuno che usa buone pratiche di gestione forestale. Gestione ecologicamente sana che coinvolge il diradamento della foresta, alberi moribondi o danneggiati e specie meno importanti.

Per sostenere una pratica forestale sostenibile, utilizzare legno proveniente da una miscela di specie diverse. Tagliare i boschi di legna morbida, come il pino e pioppo, in primavera e in autunno. Questi sono i modi per aiutare a garantire che il legno sia una fonte di energia sostenibile per il riscaldamento domestico.

Per qualsiasi informazione su consigli per l’acquisto di una buona legna da ardere contattaci!