Edifici verdi Low-tech 

La int&ext Ristrutturazioni Costruzioni Restyling ha cercato di spiegare con poche parole il significato di casa a basso impatto energetico.

Anche nelle nostre ristrutturazioni casa la int&ext Ristrutturazioni Costruzioni Restyling è molto sensibile all’ uso di impianti ad alte efficenza e basso consumo.
La nostra esperienza iniziata con una serie di ristrutturazioni a Roma ha dato grandi soddisfazioni capendo la strada che volevamo percorrere.

Da quella “ristrutturazione Roma” non abbiamo mai smesso di documentarci e dii utilizzare nuovi sistemi di riscaldamento radiante, climatizzazione a bassa temperatura e tutto quello che porti un alto standard qualitativo abitativo e risparmio delle energie.

Quando all’ inizio di ogni altra ricerca, si cerca un soggetto, avete davanti a voi un caos vorticoso in cui le idee, valori, teorie, delle persone, problemi, esperienze, soluzioni e impasse. Ogni selezione è un argomento che rifiuta automaticamente tutti gli altri e la domanda è: perché?
Nel nostro impegno nella ristrutturazione casa, per trovare un oggetto di ricerca ci darà spunti di riflessione, la volontà di ricerca e di orizzonte per nuove conoscenze, ma anche in preda ad un degrado ambientale globale, per i quali i progettisti hanno la responsabilità, rispondendo onestamente a l’idea di indagare il verde, il sostenibile, l’architettura umana eco-friendly.
Non è moda, è un requisito dello stato moderno. Architettura come consumatore fondamentale di risorse e di energia può e deve dare una risposta. Alcune persone hanno pensato ad un tema di eco-architettura e gli altri attraverso implementazioni o lavori sperimentali hanno dato le loro risposte.

Bio architettura e bio casa

Nelle varie fasi della civiltà umana si sollevano questioni di dovere e sensibilità sociale, che hanno a che fare con le problematiche attuali e modifiche strutturali, come le scoperte scientifiche, i nuovi sconvolgimenti economici, politici e sociali. In una crisi ecologica globale il pubblico internazionale è invitato negli ultimi anni per affrontare direttamente le questioni che hanno a che fare con l’inquinamento ambientale, impoverimento dell’ozono, l’accumulo di CO2 in atmosfera.
Storicamente il bordo del movimento dell’ecologia trova la sua autorità dopo la prima crisi petrolifera del 1973. L’umanità si è già confrontata con il primo quadro generale un controllabile ma fragile pianeta. Da tempo che i titoli quali “basso energetico”, “solare”, “passiva” vengono utilizzati per definire approcci progettuali, che hanno un asse centrale pensato per ridurre il consumo di fonti non rinnovabili per il funzionamento di un edificio. In realtà, tuttavia, questo è solo un caso di una serie di possibilità teoriche e pratiche, considerando il progettista moderno di concepire, progettare e realizzare una costruzione amica umana e dell’ambiente.
Dagli anni ’80 hanno cominciato ad impiegare nuovamente sia i progettisti che i teorici l’idea della riconciliazione con l’ambiente naturale e l’ecologia. Filosoficamente il problema sollevato aveva a che fare con l’ affrontare le questioni a livello locale e globale.

All’interno di questa discussione Michel Serres scrive negli anni ’80 e rilascio 1990 un contratto naturale, che tra l’altro si afferma che la natura raccomanda ora un “nuovo soggetto con i diritti di una persona giuridica.” La natura viene percepita, come una entità.
Circa nello stesso periodo è stato introdotto il concetto di pensiero olistico in design – integrale che descrive un modello sostenibile di processi ciclici che simulano i processi della natura e dei sistemi complessi, che convertono l’energia in forme utili per questo. Il modello olistico è opposta a quella del modello lineare, che secondo la Sim van der Ryn è il modello di consumo.
Dalla fine degli anni ’80 il concetto di ‘sviluppo sostenibile’ caratterizza un moderno movimento ambientalista ed è stato nominato per la prima volta ufficialmente nel 1987 dal team delle Nazioni Unite sull’ambiente e lo sviluppo.
“L’umanità ha la capacità di rendere lo sviluppo sostenibile. Per soddisfare le esigenze del presente senza diminuire la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni Si fa riferimento al termine “bisogno” dell’uomo, introducendo il termine “coerenza” della società verso la capacità della natura di soddisfare le sue esigenze.
Quindi, se l’obiettivo della società è sostenibile (in tutti i settori) la coerenza della progettazione sulla natura si esprime nelle scelte e nelle decisioni per gli edifici che produce. Gli edifici che soddisfino le esigenze degli utenti per la protezione dagli elementi della natura e comfort, riducendo al minimo lo spreco di energia e l’impronta ecologica possono essere descritti dagli edifici verdi come termine generico.
A seconda delle dimensioni della struttura il progettista è tenuto a considerare il luogo, le circostanze, le risorse disponibili e le tecnologie a disposizione che distinguono due principali grandi categorie di edifici verdi – Biocase

Bio architettura

Coloro che usano la tecnologia e ogni nuova realizzazione e, eventualmente, suggerire nuove soluzioni tecnologicamente innovative ai problemi ambientali esistenti e quelli dovuti alle condizioni specifiche e alla ricerca di modi trovati per rispondere a problemi simili con le soluzioni basate sul principio di ridurre l’energia o il costo di produzione e a comporre attraverso la conoscenza delle proprietà offerte dai materiali locali. Abbiamo così edifici verdi high-tech e low-tech.
In questa conferenza si tratterà l’analisi e la determinazione del complesso concetto di “green building low-tech”.
Nel cosiddetto mondo sviluppato potrebbe si dire che il concetto di ‘low tech’ non esiste o non ha ragione di esistere in quanto lo sviluppo tecnologico continua a trovare nuovi e migliori alternative ai problemi strutturali ed ecologici. Le domande, però, nascono anche nelle economie sviluppate del mondo, e da un lato quanti hanno accesso per l’utilizzo di alta tecnologia e quale considerazione danno a quanta energia viene spesa per l’attuazione.
Nel contesto di minimizzare il consumo energetico delle risorse non rinnovabili cercando di abbandonare la grande struttura energetica per una produzione locale, rende parti interconnesse delle entità autosufficienti in grado di interagire con l’altro e che offrono il tutto senza dipendere soltanto una sede operativa centrale;
Questo è il presupposto necessario per capire il concetto che la tecnologia sta avendo sulle varie società del mondo.
E ‘chiaro che la definizione di low-tech ha un diverso punto di partenza, per esempio l’ Europa e l’ Asia orientale. Ciò che noi definiamo come “low tech” dipende dal campo di applicazione, definito dal confronto, e non assoluta, sulla base di caratteristiche esistenti e caratteristiche locali in relazione alla situazione globale.

.

Quali sono gli edifici verdi?

E ‘più sicuro parlare di edifici verdi, invece di bioarchitettura, dal momento che non esiste un unico design verde con il senso di un movimento, che seleziona specifici strumenti di espressione. Questi edifici sono i principi che definiscono il fatto che hanno a che fare con il rispetto per l’ambiente e il paesaggio, l’uomo e la natura, la riduzione dei consumi energetici e, in generale, con l’obiettivo della sostenibilità.
Come la bioedilizia descriverà un edificio con un ambiente confortevole e piacevole, che minimizza l’impatto sull’ambiente risparmiando risorse e contribuisce alla buona salute delle persone che si muovono all’interno di esso. Già un ambiente regolato da impianti a bassa temperatura, impianti radianti, pavimenti radianti, possono essere inseriti in parte in questa categoria.

Ridurre il consumo energetico

Con il continuo aumento degli effetti del riscaldamento globale e il riscaldamento del pianeta, la necessità di ridurre i gas a effetto serra è ormai universale. L’unico modo efficace per raggiungere questo obiettivo è quello di garantire che il volume dell’ edificio consumerà solo una frazione dell’energia utilizzata oggi.
Dato che l’uso di energia e proviene da risorse naturali non rinnovabili è di circa il 40% del consumo globale di energia. La situazione ideale sarebbe ovviamente che gli edifici non consumino tale energia.
Ridurre il consumo energetico si pone come una delle principali preoccupazioni di tutti gli architetti e scienziati di altre discipline che hanno affrontato gli anni ’70 con l’emissione di architettura verde. Alcuni di loro è Ian McHarg, che ha parlato prima del rapporto dell’ecologia e del design nel suo libro design con la natura nel 1969 e Brenda e Robert Vale nel 1991 che nel loro libro Green Architecture, che ha sollevato una serie di principi di progettazione architettura verde con il primo di questi per preservare energia e risorse.

Sempre nel 2002 l’architetto William McDonough e Michael Braungart chimico nel loro libro Cradle to Cradle: Rifare il modo in cui facciamo le cose hanno suggerito un processo di produzione che ha modellato i processi della natura e dei suoi prodotti dirigendosi completamente a tornare alla natura, sia riciclato e trasformato interamente in nuovi prodotti. Così il consumo di energia per la produzione è limitata in larga misura.

Bio casa e bio architettura

.
Durante il funzionamento degli edifici sono tre i consumatori energetici principali: l’illuminazione, raffreddamento-riscaldamento. La soluzione nota è di corredare l’ edificio di ottimo isolamento (doppio o triplo bassa emissione di vetri e isolamento del tetto e delle pareti) consente di risparmiare molta energia che altrimenti verrebbe utilizzato per il riscaldamento e il raffreddamento. Ma per raggiungere una drastica riduzione ancor più dei consumi, abbiamo bisogno di attuare altre tre strategie.
L’intero format e l’organizzazione della costruzione deve essere sin dall’inizio molto meno dipendente dai combustibili fossili.
Ogni meccanismo (anche se c’è necessità) dovrebbe essere il più efficiente possibile, come la stessa efficienza sarà l’intero sistema e il meccanismo di cui fa parte.
L’edificio sarà alimentato da fonti energetiche costantemente rinnovati nelle sue immediate vicinanze.
L’illuminazione artificiale che consuma la maggiore quantità di energia in un edificio e dopo la regolazione artificiale delle temperature, soprattutto d’estate, richiede molta più energia per raffreddare nonostante l’inverno per il riscaldamento. Gli apparecchi ad alte prestazioni riducono notevolmente il consumo di energia elettrica, ma è impossibile eliminare la necessità di illuminazione artificiale di notte. Durante il giorno, tuttavia, si può ridurre significativamente la necessità di illuminazione artificiale per evitare planimetrie profonde ma ad esempio l’uso di atri e cortili che con l’uso di grandi aperture fanno entrare molta luce solare.
Abbandonando il “profondo” si può risparmiare sul condizionamento artificiale ed ad usare la ventilazione naturale con il vantaggio aggiuntivo che può essere controllato dall’utente dell’attuale edificio.
Questa ventilazione naturale può essere sostenuta da sistemi (meccanici) passivi (non meccanico) o attivi in conformità con i principi di progettazione bioclimatica.

Sulla questione delle misure di riscaldamento è dimostrato che le persone accettino e trovino molto più piacevole la vasta gamma sbalzi di temperatura negli edifici a ventilazione naturale, soprattutto quando le condizioni di temperatura sono sotto il controllo di personale in relazione agli edifici con aria condizionata. Un risparmio ancora maggiore deriva dal fatto che la gente non preferisce edifici, naturalmente o artificialmente ventilati per mantenere costantemente una temperatura ideale.

Per qualsiasi cosa su biocasa contattaci!