Il vostro sogno sarebbe quello di comprare un appartamento in un altissimo e brillantissimo grattacielo? Oppure avete intenzione di accrescere il valore del vostro immobile costruendo una bella veranda vetrata? Insomma, vi piace l’effetto estetico del vetro, ma temente che gli ambienti possano riscaldarsi troppo e trasformarsi in una sorta di forno crematorio? State tranquilli, perché in realtà il problema è stato già affrontato e risolto.
Visto il sempre maggiore utilizzo del vetro nell’edilizia, si sono considerati anche questioni di questo tipo, che hanno determinato la realizzazione del vetro a controllo solare, elemento innovativo che tra l’altro riduce l’utilizzo di sistemi di condizionamento, il carico energetico e i costi. Questo tipo di vetrate si ottiene applicando sul vetro un ulteriore rivestimento metallico selettivo(magnetronico) che permette di filtrare il calore trasmesso all’irradiazione solare, garantendo al contempo un’elevata luminosità dei locali. Così nei climi più caldi il vetro a controllo solare è utilizzato per ridurre l’apporto di calore solare e aiutare il controllo dell’abbagliamento; in quelli temperati per consentire un’elevata trasmissione di luce naturale.

Vetri selettivi 1

Una delle ultime novità nel settore è “Suncool 60/30” della Pilkington, specifico per vetrate isolanti, alle quali garantisce una riduzione del carico termico portato dalla radiazione solare superiore ai due terzi e un ottimo isolamento termico. Tutti i prodotti dell’azienda sono disponibili in versione monolitica o stratificata per requisiti di protezione e sicurezza. Assemblati in vetrata isolante (o vetrocamera), possono essere abbinati anche a vetrate non protette da sistemi di schermatura solare, oppure a quelle che abbinano altre prestazioni come il controllo acustico. Nonostante l’alto valore di riduzione ottenuta, questo vetro è dotato di un aspetto neutro e trasparente, ma per ottenere particolari livelli di chiarezza e luminosità è disponibile anche nella versione con vetro extrachiaro “Optiwhite”; e in caso si vogliano anche ottenere facciate che non richiedono particolari cicli di pulizia e manutenzione, è disponibile la versione “Activ Suncool 60/30”, che unisce alle caratteristiche di selettività della radiazione solare anche funzioni autopulenti.

Altrettanto innovativa è l’azienda AGC, il cui top di gamma è “Ultravision 50”, un vetro con rivestimento magnetronico ad alte prestazioni caratterizzato da un triplo strato di argento che aumenta notevolmente la trasmissione luminosa e che esclude ben il 77% del calore esterno.

Vetri selettivi2

Insomma, se il vetro con le sue caratteristiche di trasparenza, durezza e fragilità, luminosità ed eleganza vi affascina, non temetene i limiti o le controindicazioni, perché grazie a queste aziende e alle nuove tecnologie impiegate, essi sono stati superati, rendendolo un materiale adatto ad ogni esigenza, un materiale adatto a voi…

Per qualsiasi informazione su vetri selettivi contattaci!