Al giorno d’oggi, tra le maggiori esigenze in campo edilizio ed in particolare in materia di impiantistica, riveste particolare importanza la possibilità di unire un elevato livello di comfort ad un notevole risparmio energetico; gli impianti a pannelli radianti, sono stati ideati proprio per soddisfare queste esigenze.

Gli elementi radianti, a seconda delle specifiche necessità, possono essere inseriti sotto il pavimento, nelle pareti o nel soffitto. Sono costituiti da tubi in materiale estremamente resistente alle alte temperature ed adatti al calpestio.

Di non poco conto la caratteristica di essere praticamente invisibili, a tutto vantaggio dell’estetica e della praticità, consentendo un miglior sfruttamento degli spazi con il minimo ingombro. Di solito però, quando si parla di pannelli radianti, la maggior parte delle persone li associa agli impianti per il riscaldamento. Una cosa che in pochi sanno è invece che, oltre ad essere un ottimo sistema di riscaldamento per l’inverno, un impianto radiante è la soluzione ideale anche per mantenere fresca l’abitazione nella stagione estiva.

In questo modo, con un unico sistema, si può soddisfare la necessità di climatizzare gli ambienti sia d’inverno che d’estate (caldo e freddo). A questo punto, l’unica macchina da installare diviene la pompa di calore, realizzando così anche un interessante risparmio in termini economici rispetto ai sistemi tradizionali.

 

 

pavimento radiante

 

 

Gli ambienti climatizzati con i pannelli radianti forniscono una gradevole e immediata sensazione di benessere grazie al principio naturale dell’irraggiamento, sia che si stia utilizzando la funzione riscaldamento che raffrescamento. Anche i livelli di umidità possono essere regolati in modo ideale tramite la funzione deumidificatore, che fornisce al corpo umano sensazioni estremamente gradevoli senza dover raffreddare particolarmente l’ambiente.

Oltretutto, già nel suo normale utilizzo, un impianto radiante funziona a temperature più basse di un sistema tradizionale, richiedendo un minor tempo necessario per andare a regime, garantendo in questo modo un notevole risparmio energetico, che si traduce in minori costi.

 

 

Sistema completo a bassa temperatura

 

 

Si aggiunga, inoltre, che se costruito a regola d’arte, grazie ad un migliore isolamento degli elementi portanti, un impianto a pannelli radianti garantisce una dispersione termica decisamente inferiore, realizzando un risparmio energetico, specialmente nei sistemi di riscaldamento a pavimento, che va dall’8% al 30%. Un sistema a pannelli radianti, ben costruito, che rispetti le specifiche tecniche standard, può durare anni senza necessità di interventi di manutenzione.

I vantaggi che un sistema radiante offre rispetto agli impianti tradizionali, sono molteplici e in particolare:

  • Temperatura più omogenea, naturale e salubre.

  • Risparmio energetico fino al 70% con pompa di calore.

  • Maggiore utilizzo della superficie abitativa senza corpi scaldanti.

  • Aria salubre: niente spostamenti di polveri.

  • Estetica inalterata.

 

 

 

Un impianto radiante funziona normalmente con una bassa temperatura dell’acqua (25-40°C) ed è quindi ideale per essere integrato con pompe di calore, caldaie a condensazione etc., e/o qualsiasi altra tecnologia che sfrutti fonti energetiche rinnovabili. Se paragonato ad un sistema a ventilconvettori, un impianto a pannelli radianti garantisce, se abbinato ad una pompa di calore, una maggiore efficienza di circa il 25% sia in riscaldamento che in raffreddamento.

È inoltre possibile scegliere la collocazione di questo tipo di impianti. Infatti, esistono impianti radianti a pavimento, nei quali gli elementi radianti, costituiti da tubi in materiale resistente alle alte temperature e al calpestio, vengono inseriti sotto il pavimento. Un siffatto sistema, praticamente invisibile, può essere coperto con qualsivoglia tipo di rivestimento purché non abbia una resistenza termica superiore al valore di 0,15 m2k/W. Pavimenti in marmo, ceramica, pietra o granito si adattano meglio agli impianti radianti, per la loro migliore capacità di condurre il calore, rispetto a quelli in sughero, materiale termo-isolante. La trasmissione del calore avviene principalmente per irraggiamento, a differenza di un sistema a termosifoni dove il calore si propaga per convezione. In questo modo il calore si diffonde in modo più uniforme e si evitano fastidiosi spostamenti d’aria e di polveri.

 

 

 

 

Gli elementi radianti possono però essere collocati pure a parete o sotto nel soffitto.

 

 

 

In commercio si trovano: sistemi costruiti mediante preassemblato in cartongesso, che per la loro modularità consentono il perfetto adattamento alle metrature, tanto nelle applicazioni a parete quanto in quelle a soffitto, senza compromessi di tipo architettonico; e a parete o soffitto sottointonaco a ridotto spessore, cioè moduli che utilizzano un tubo di piccolo diametro sagomato a serpentina che riduce lo spessore dell’intonaco a soli 15mm. Il binario in materiale plastico ha un passo di posa di 5 cm. L’altezza della guida è di soli 9 mm, di cui uno spessore di 2mm sotto il tubo che conferisce alla guida una buona rigidità e resistenza. Il binario si presenta in moduli da 50 cm che possono essere estesi secondo necessità in modo molto semplice, grazie al sistema di giunzione a nido di rondine. Moduli piccoli velocizzano e semplificano le operazioni di montaggio e non richiedono tagli in cantiere. Il tubo viene fissato nella guida in modo perfetto grazie al profilo scanalato del binario. La base è preforata per consentire il fissaggio al supporto mediante tasselli.

Per qualsiasi informazione su sistemi a pannelli radianti contattaci!